Alle numerose botteghe di ceramica di Ariano Irpino se ne aggiunge una molto particolare: gli artigiani sono detenuti. Si chiama “Ceramica Arianese Libera”.

La Caritas, la Diocesi, la Casa Circondariale e la Cooperativa sociale Artour invitano arianesi e non a visitare il laboratorio “Ceramica Arianese Libera” in via Annunziata ad Ariano Irpino. Un progetto di solidarietà e inserimento lavorativo dedicato ai detenuti finanziato con l’8×1000 alla Chiesa Cattolica e con il 5×1000 ad Artour. Per Don Marco Ulto un modo per far vivere la detenzione quale reale opportunità di riscatto.
Monica De Benedetto lo ha intervistato per noi. Accedi alla sezione Approfondimenti per scoprire di più!

19.10.2016