Avellino. Tiene ancora banco la vendita all’asta del Palazzo della Dogana. La famiglia Della Valle scrive al Tribunale fallimentare per avere chiarimenti. Loro non hanno mai dichiarato fallimento, quindi restano proprietari dei fregi.

Avellino. Mentre il Comune rivendica il diritto di prelazione sulla Dogana di Avellino e si dice pronto a sborsare l’esosa cifra di 640mila euro per aggiudicarsi l’asta fallimentare, la famiglia Della Valle reclama la proprietà delle statue. Gli ultimi eredi del marchese Marino Caracciolo sono infatti proprietari della facciata della storica struttura e poichè non hanno mai dichiarato fallimento vogliono vederci chiaro. Per questo motivo hanno deciso di scrivere al Tribunale fallimentare e per conoscenza alla Procura, prima della seduta di vendita fissata per marzo prossimo. Secondo gli eredi la proprietà dei fregi resterebbe loro anche qualora il Comune vincesse l’asta giudiziaria.

(Redazione)

4.8.2016