Caso Abete. Il vicequestore aggiunto di Avellino, Elio Iannuzzi fa un passo indietro e chiede scusa e si dice pronto alle conseguenze.

Caso Abete. Il vicequestore aggiunto di Avellino, Elio Iannuzzi, fa un passo indietro e, nell’intervista rilasciata al quotidiano “Il Mattino” dice: “Chiedo scusa a Luca Abete per quanto successo e soprattutto per quell’insulto, “mongoloide”, rivolto all’inviato di Striscia la Notizia. Sono pronto ad accettare serenamente tutti gli eventuali provvedimenti che saranno presi nei miei confronti”. Il vicequestore ammette quindi il suo errore, riconoscendo di aver decisamente esagerato durante lo svolgimento della sua mansione. Intanto si attendono i provvedimenti che potrebbero essere presi a suo carico e, soprattutto, bisogna vedere se, dopo le scuse, verranno ritirate le denunce che pendono sul capo di Luca Abete. Intanto nella puntata di Striscia la Notizia di ieri sera è andato in onda un servizio da Avellino, dove l’inviato Jimmy Ghione ha raccolto un po’ di testimonianze tra la gente, in larga parte vicina a Luca Abete fin dal primo momento.

(Monica De Benedetto)

20.10.2016