Esclusione assurda dell’Ariano Folk Festival dai finanziamenti regionali. Presentata ad Avellino la XXI edizione. Punta di diamante Daniele Silvestri.

L’atteggiamento nei confronti della città di Ariano da parte della Regione Campania, sia che si parli di Ospedale, che di Genio Civile, che di manifestazioni culturali come il Folk Festival oramai è quello: di incuranza se non di sabotaggio. È l’amara costatazione di cittadini e politici arianesi. Il Folk Festival unanimemente riconosciuto uno dei più interessanti appuntamenti europei dedicati alla world music, per un soffio è fuori dai finanziamenti regionali. Inevitabile far riferimento anche a questo nella conferenza stampa di questa mattina in Provincia dell’Associazione Red Sox. Tra gli interventi quelli di Gianfranco Cardinale, di Francesco Fodarella, del Presidente della Provincia, Mimmo Gambacorta, e dei referenti dei Mesali. Non è mancata dunque la nota polemica nei confronti della Regione che, nonostante la riconosciuta valenza culturale dell’iniziativa non ha ritenuto di contribuire economicamente. Il Folk 57esimo in graduatoria, finanziati gli altri 41. Un’esclusione assurda per un evento aperto a culture diverse e lontane in nome della ricerca e della qualità artistica. Il viaggio della XXI edizione di Ariano Folkfestival, dal 18 al 22 agosto in Irpinia, inizia in America e attraversa tappe virtuali in Asia e Africa, per chiudersi simbolicamente in Europa con il concerto di Daniele Silvestri che presenta in Campania il suo acclamato e ultimo album “Acrobati”.

(Monica De Benedetto)

10.8.2016