Si attendono i risultati dell’autopsia sul corpo del’ex insegnante di Avellino trovata sgozzata in casa sua a Bergamo. Indagato il marito ma non è esclusa la pista dell’intruso.

Ad Avellino c’è sconcerto per l’uccisione di Gianna Del Gaudio, 63 anni, insegnante in pensione di Avellino ma da anni residente in provincia di Brescia. La donna nella notte tra venerdì e sabato è stata trovata senza vita, sgozzata, a casa sua. A dare l’allarme il marito, anche lui originario di Avellino, che ora è indagato in quanto non trova conferma la sua versione dei fatti. Ha raccontato di esser rimasto per un po’ in giardino ad innaffiare e di aver lasciato la moglie che rassettava la cucina dopo una cena per conoscere la compagna del figlio, al suo rientro, intorno mezzanotte e mezza, l’avrebbe trovata a terra in una pozza di sangue. Ma non sono stati trovati segni di effrazione in casa. A detta di tutti, si trattava di una coppia serena, senza screzi. Si attendono adesso i risultati dell’esame autoptico.

(Monica De Benedetto)

29.8.2016