Sigilli per lo Stir di Pianodardine. Nuovo blitz dei Carabinieri del Noe questa mattina. Tre persone raggiunte da avviso di garanzia.

Nuovo sequestro per lo Stir di Pianodardine. Blitz dei Carabinieri del Noe questa mattina su ordinanza della Procura della Repubblica per inosservanza delle norme di tutela dell’ambiente. Tre persone risultano raggiunte da avviso di garanzia, si tratta del direttore, del responsabile dell’impianto e del manager della società provinciale dei rifiuti che lo ha in gestione. Le ipotesi di reato ipotizzate dai Pm: molestia olfattiva, legata ad una gestione rifiuti non conforme alla norma e dunque illecita. I sigilli sono scattati con facoltà d’uso: ossia Irpiniambiente può continuare a lavorare i rifiuti secchi ed accogliere rifiuti umidi per la trasferenza, come disposto d’urgenza in estate dalla Provincia, avendo a disposizione 90 giorni di tempo per mettersi in regola.

(Monica De Benedetto)

25.1.2017