Stop alle raccolte di cibo e vestiario in Irpinia per le popolazioni colpite dal sisma. La Protezione Civile fa sapere che ci sono sufficienti scorte, chi vuol contribuire lo faccia attraverso l’sms solidale.

Come da AiRadio raccontato dopo il sisma che ha colpito il centro Italia è partita immediatamente la macchina della solidarietà in Irpinia con la raccolta spontanea da parte di cittadini, associazioni, comuni e ditte produttrici, di beni alimentari, e di prima necessità. La Protezione Civile però fa sapere che al momento non vi è necessità di tutto questo. L’unico supporto richiesto e attivato è quello della raccolta fondi attraverso l’sms solidale al numero unico 45500. Qualora venissero comunque raccolti beni di prima necessità e vestiario, dovranno confluire presso un’organizzazione di Volontariato di Protezione Civile o presso un Comune, disponibili spontaneamente a tale scopo, che provvederanno a elencarli dettagliatamente ed a comunicarli insieme al nominativo e recapito telefonico di un referente alla Sala Operativa Regionale all’indirizzo soru.protezione.civile@regione.campania.it.

(Monica De Benedetto)

28.8.2016